© Comunità Parrocchiale di Pioppe-Salvaro-Sibano-Malfolle (BO)
CATECHESI 29 Mar 2015
COMUNITA’ PARROCCHIALE DI  PIOPPE-SALVARO-SIBANO-MALFOLLE Home Vita Parrocchiale Catechesi Orari&eventi Feste Viaggi Sacerdote Editoria Contatti Links

29 Marzo 2015 

DOMENICA DELLE PALME E DELLA PASSIONE DEL SIGNORE

“Benedetto colui che viene nel nome del Signore”

Dal libro del profeta Isaìa (50,4-7)

Dalla lettera di S.Paolo apostolo ai Filippèsi (2,6-11)

Passione di nostro Signore Gesù Cristo secondo Marco

(14, 1-15,47)  *Forma breve (15, 1-39)                                            

Al mattino i sommi sacerdoti, con gli anziani, gli scribi e tutto il sinedrio, dopo aver tenuto consiglio, misero in catene Gesù, lo condussero e lo consegnarono a Pilato. Allora Pilato prese a interrogarlo: "Sei tu il re dei Giudei?". Ed egli rispose: "Tu lo dici". I sommi sacerdoti frattanto gli muovevano molte accuse. Pilato lo interrogò di nuovo: "Non rispondi nulla? Vedi di quante cose ti accusano!". Ma Gesù non rispose più nulla, sicché Pilato ne restò meravigliato. Per la festa egli era solito rilasciare un carcerato a loro richiesta. Un tale chiamato Barabba si trovava in carcere insieme ai ribelli che nel tumulto avevano commesso un omicidio. La folla, accorsa, cominciò a chiedere ciò che sempre egli le concedeva. Allora Pilato rispose loro: "Volete che vi rilasci il re dei Giudei?". Sapeva infatti che i sommi sacerdoti glielo avevano consegnato per invidia. Ma i sommi sacerdoti sobillarono la folla perché egli rilasciasse loro piuttosto Barabba. Pilato replicò: "Che farò dunque di quello che voi chiamate il re dei Giudei?". Ed essi di nuovo gridarono: "Crocifiggilo!" Ma Pilato diceva loro: "Che male ha fatto?". Allora essi gridarono più forte: "Crocifiggilo!". E Pilato, volendo dar soddisfazione alla moltitudine, rilasciò loro Barabba e, dopo aver fatto flagellare Gesù, lo consegnò perché fosse crocifisso. Allora i soldati lo condussero dentro il cortile, cioè nel pretorio, e convocarono tutta la corte. Lo rivestirono di porpora e, dopo aver intrecciato una corona di spine, gliela misero sul capo. Cominciarono poi a salutarlo: "Salve, re dei Giudei!". E gli percuotevano il capo con una canna, gli sputavano addosso e, piegando le ginocchia, si prostravano a lui. Dopo averlo schernito, lo spogliarono della porpora e gli rimisero le sue vesti, poi lo condussero fuori per crocifiggerlo. Allora costrinsero un tale che passava, un certo Simone di Cirène che veniva dalla campagna, padre di Alessandro e Rufo, a portare la croce. Condussero dunque Gesù al luogo del Gòlgota, che significa luogo del cranio, e gli offrirono vino mescolato con mirra, ma egli non ne prese. Poi lo crocifissero e si divisero le sue vesti, tirando a sorte su di esse quello che ciascuno dovesse prendere. Erano le nove del mattino quando lo crocifissero. E l'iscrizione con il motivo della condanna diceva: Il re dei Giudei. Con lui crocifissero anche due ladroni, uno alla sua destra e uno alla sinistra. I passanti lo insultavano e, scuotendo il capo, esclamavano: "Ehi, tu che distruggi il tempio e lo riedifichi in tre giorni, salva te stesso scendendo dalla croce!". Ugualmente anche i sommi sacerdoti con gli scribi, facendosi beffe di lui, dicevano: "Ha salvato altri, non può salvare se stesso! Il Cristo, il re d'Israele, scenda ora dalla croce, perché vediamo e crediamo". E anche quelli che erano stati crocifissi con lui lo insultavano. Venuto mezzogiorno, si fece buio su tutta la terra, fino alle tre del pomeriggio. Alle tre Gesù gridò con voce forte: Eloì, Eloì, lemà sabactàni?, che significa: Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato? Alcuni dei presenti, udito ciò, dicevano: "Ecco, chiama Elia!". Uno corse a inzuppare di aceto una spugna e, postala su una canna, gli dava da bere, dicendo: "Aspettate, vediamo se viene Elia a toglierlo dalla croce". Ma Gesù, dando un forte grido, spirò. Il velo del tempio si squarciò in due, dall'alto in basso. Allora il centurione che gli stava di fronte, vistolo spirare in quel modo, disse: "Veramente quest'uomo era Figlio di Dio!".
next previous Torna alla pagina della Catechesi
Scenetta dei bambini: GIUDA: - Io non lo conosco, non so chi sia quest’uomo! FOLLA: - Benedetto colui che viene nel nome del Signore. DISCEPOLI: - Maestro rimprovera i tuoi discepoli. GESU’: - Io vi dico che se questi taceranno, grideranno le pietre. PILATO: - Sei tu il Re dei Giudei? GESU’: - Tu lo dici. FOLLA: - Crocifiggilo! Crocifiggilo! PILATO: -Non trovo in quest’uomo alcun motivo di condanna. GESU’: - Figlie di Gerusalemme non piangete su di me, ma piangete su voi stesse e sui vostri figli. Insieme con lui venivano condotti a morte anche altri due, che erano malfattori LADRONE: - Gesù ricordati di me quando entrerai nel tuo regno. CENTURIONE ROMANO: - Veramente quest’uomo era figlio di Dio. GESU’: - Padre perdona loro perchè non sanno quello che fanno.
Se vuoi ascoltare il commento di Don Arrigo alla scenetta dei Bambini clicca sul pulsante